Storia

Bassi Sergio ha cominciato questa attività nel 1951, nella ditta più prestigiosa di Milano. Garzone di stuccatori e decoratori, milanesi e comacini, si occupava di stucchi e decorazioni in chiese e case lussuose. E’ in queste circostanze che ha conosciuto l’architetto Lorenzo Mongiardino con il quale ha collaborato in varie occasioni.

Questo lavoro è divenuto ben presto la sua passione e, su consiglio dei maestri, ha cominciato a frequentare la Scuola Superiore d’arte del Castello Sforzesco, ottenendo ottimi risultati prima in architettura, poi in scultura e decorazione.

Ha partecipato alla realizzazione del Piccolo Teatro alla Scala, in via Filodrammatici, sotto la guida dell’architetto Piero Portaluppi. Poi, sono cominciati i lavori di restauro della galleria Vittorio Emanuele e Palazzo Marino.

Il ritorno al Teatro alla Scala per la sala Trieste è degli ultimi anni. Nel 1957 ha creato un gruppo di 12 persone e ha trascorso un anno intero a Bruxelles, realizzando le facciate dei palazzi più importanti della vecchia Bruxelles per l’Expò del 1958.

Tornato a Milano, ha operato i restauri in alcune chiese importanti, in collaborazione con il pittore Mario Zappettino. Assieme al figlio Davide ha collaborato con diversi scultori italiani e stranieri di fama internazionale, facendo forme e ingrandimenti di sculture. Infine, ha realizzato stucchi decorativi e colonne per i negozi di Gianni Versace e gli stucchi nei soffitti di due sale a Palazzo Reale (Milano).

Biography

Sergio Bassi started as an apprentice in 1951, working in the most prestigious firm in Milan. Apprentice plasterers and decorators, both from Milan and Como, carried out stucco decoration in churches and luxury homes . It was during this time that Sergio Bassi met the architect Mongiardino.


This work quickly became his passion and, on the advice of his teachers, he enrolled at the Superior Art School at the Castello Sforzesco in Milan, obtaining excellent results firstly in architecture, then in sculpture and decoration.


He participated in the realization of the Piccolo Theatre at the Scala in via Filodrammatici, Milan, under the guidance of the architect Portalupi. Later, work started on the restoration of the Galleria Vittorio Emanuele and the Marino Palace, both to be found in Milan.


He returned to the Scala Theatre in order to work on the Sala Trieste. In 1957 he put together a group of 12 people and stayed for a year in Brussels, renovating the fascia of the most important buildings in Old Brussels for the 1958 Expo.


On his return to Milan in collaboration with the painter Mario Zappettino, he worked on the restoration of some of the most important churches in the city.

Together with his son, Davide, he collaborated with with various Italian and foreign sculptors of international fame, making enlargements of sculptures. Ultimately, he has created decorative stucchi and columns for the stores of Gianni Versace and the stucco ceilings of two halls in the Palazzo Reale in Milan.


Condividi questa pagina